T shirt con collage di immagini

Salve ! Oggi vi mostro la t shirt dove si  uniscono immagini diverse e frammenti di esse, come nel post precedente avevo anticipato ritagliando solo gli occhi. In questo caso alla foto di Eddie Segwick ho aggiunto dei fiocchi sui capelli, alcune parole, gioielli e trucchi maquillage. L’ effetto é sempre vintage, sfumato, i colori degli ombretti tenui riempiono tutta la superficie della maglietta. Vi piace? In questo modo le combinazioni sono infinite, che aspettate a creare ?!

Il copriletto (non solo t shirt)

Ciao !!! Se ora vi siete ritrovate con una serie incredibile di t shirt, come é successo a me, é arrivato il momento di passare ad altri lavori . Ho preso quindi un vecchio lenzuolo con  gli elastici agli angoli e l’ ho trasformato in un copriletto per la camera dei ragazzi. Il lavoro é stato un po’ lungo data la superficie, ma il risultato alla fine  é apprezzabile, e comunque, in questo caso, le sbavature eventuali delle foto riprodotte si mascherano meglio. Potete sbizzarrirvi con le immagini dei cartoni, con i disegni piuttosto che le foto dei vip!! Eccolo qui:

Questo slideshow richiede JavaScript.

scelta delle immagini

Avete fatto qualche prova e avete deciso di cimentarvi in modo più sicuro? Bene: un capitolo a parte merita la scelta delle immagini. Dovrebbero essere molto dettagliate, anche quelle in bianco e nero, molto definite, altrimenti vi ritroverete una macchia informe, e ben netto dovrebbe essere il contrasto tra un eventuale sfondo e la foto. Vado particolarmente pazza per le copertine delle riviste di moda; peccato che trasferirle direttamente dalle riviste sia impossibile, infatti l’ inchiostro utilizzato e quella patina lucida impedisce alla trielina di smacchiare la foto sulla nostra t shirt. Peccato: dovrete quindi cercare in interne le vostre immagini, alta risoluzione, bei colori e la vostra fantasia farà il resto: Potrete fare una t shirt a tema: tutti cantanti, solo attori, fashion con immagini di oggetti e vestiti, scritte, etc. Non ho ancora provato i fiori. Vedremo. Vi lascio altri tentativi: stampa del modellino Guerlain, la pubblicità del nuovo profumo 2012 :”ma petite robe noire”. Vi piace?

Questo slideshow richiede JavaScript.

si comincia !!!

Si comincia. Procuratevi:
la trielina (dal ferramenta, Trielax); cotone idrofilo (un grosso batuffolo); immagine stampata dal computer; un cartone da infilare dentro la t shirt, in modo da isolare la parte che andrete a colorare e il retro, che deve rimanere asciutto. Vi consiglio di effettuare questo lavoro su un tavolo all’aperto, o almeno davanti ad una finestra: ricordatevi che la trielina é tossica e dovrete evitare di respirarla. Poggiate l’ immagine con la foto rivolta verso la t shirt da colorare. Le prime volte ho preferito fermare le immagini con del nastro adesivo per pacchi; con l’esperienza vedrete che ne potrete fare a meno. E’ tutto chiaro? PRONTI ALLORA?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ora imbevete il cotone di trielina e passate il batuffolo su tutta la superficie dell’ immagine. Ho notato che in alcuni casi, a seconda del tipo di foto, occorre passare più volte la trielina, altre invece, per evitare che linee sottili diventino troppo spesse, occorre effettuare questo passaggio in modo più veloce. Tutte queste cose le scoprirete facendo prove e prove, su colori e tessuti diversi. Tutto dipende dal tipo di stampa, dalla vostra mano, da altri piccoli accorgimenti che scopriremo. Appena il foglio si impregna di trielina, capirete che l’ immagine é passata sulla t shirt (nella maggior parte dei casi). Potrete sempre provare a staccare un pezzetto di nastro e controllare se il trasferimento sia avvenuto. In caso negativo, ripetete l’ operazione.

 

La trielina (protagonista indispensabile)

Il tricloroetilene è un ottimo solvente per molti composti organici. Ha trovato uso anche come solvente per il lavaggio a secco, fino a quando non è stato soppiantato negli anni ’50 dal tetracloroetilene. In vendita dal ferramenta, ne esistono diversi tipi, quella più efficace per noi é questa qui !! La TRIELAX

divertitevi anche voi

Una t shirt vecchia, per cominciare e capire;  uno smacchiatore: la trielina, qualche foto, un po’ di ovatta. Sorpresa!!! La macchia si smacchia lasciando una immagine, una icona, una smorfia,una faccia, una intuizione di un viso vagamente riconosciuto! Magia  e fantasia: questo é stampami, t shirt fatte a mano, con una tecnica in voga negli anni ’70. Riciclo, riutilizzo, divertimento. Segui, leggi, prova anche tu.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.